LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

American Election con Wall Street English Milano Loreto

Pubblicato il 12/02/16 8.57

Tempo di voti, di scelte e cambiamenti in America! Gli Stati Uniti sono già in fermento per l'elezione del nuovo Presidente del prossimo 8 novembre, ma come funziona esattamente il sistema elettivo americano?

Innanzitutto, ogni Stato sceglie a maggioranza un certo numero di grandi elettori, numero che varia in base alla popolazione di cui è composto (andiamo dai 55 milioni della California ai 3 del Vermont, che conta solo 600mila abitanti). Questi ultimi, 538 in totale, si riuniscono poi a Washington, dove ognuno vota per uno dei candidati alla presidenza.

Il nuovo Presidente riceverà un mandato di 4 anni, e può essere rinominato solamente una volta, per un totale di otto anni (per questo l'attuale presidente Barack Obama non può più concorrere per la carica); sarà investito di potere esecutivo a livello federale e sarà a capo delle forze armate.

Prima delle elezioni, tuttavia, i due maggiori partiti (Repubblicano e Democratico) organizzano le Primarie, durante le quali vengono presentati i rispettivi candidati a Presidente e Vice Presidente. Si tratta di una vera e propria convention, durante la quale si assiste anche a dibattiti tra i candidati, e porta il nome di Super Tuesday: si celebra infatti tradizionalmente di martedì, a febbraio o a marzo. Quest'anno, per la precisione, sarà il 1 marzo, e vedrà scontrarsi un numero considerevole di candidati, anche se i più chiacchierati sono senza dubbio due personaggi noti, Hillary Clinton e Jeb Bush (fratello minore dell'ex presidente George W.).

Tecnicismi a parte, le elezioni negli States assumono una vivacissima carica tradizionale: bandiere appese fuori dalle case, disegnate su t-shirt e vestiti o addirittura visi truccati a stelle e strisce; manifestazioni, feste, iniziative di varia origine e natura. Un'aria di cambiamento che coinvolge tutti i cittadini e li fa sentire parte dei mutamenti e della crescita della nazione in cui vivono.

Argomenti: Travel&Fun

Commenti