LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

Unconventional lunch break with Elena at Wall Street English Milano Cadorna

Pubblicato il 16/02/16 11.57

Nel nostro spazio "teacher's corner", vi proponiamo il racconto di Elena, insegnante presso il centro Wall Street English Milano Cadorna, che ci descrive una divertente attività dal tema poco "invitante"che ha svolto qualche tempo fa.

Cosa c'è di meglio, per un Social Club durante l'ora di pranzo, che parlare delle parole inglesi che più amiamo per descrivere i nostri cibi preferiti? Delicious, tasty, sugary, creamy, crispy, sour, spicy, tender, yummy… Ma cosa dire del cibo che invece odiamo? Ah, la lingua inglese, anche in questo caso, non ci delude: disgusting, horrible, terrible, revolting, smelly, rancid, yucky…

I poveri studenti, però, non potevano sapere quello che sarebbe successo dopo… un'intera lezione dedicata ai cibi più disgustosi esistenti sul pianeta! Insomma, si pensava a una bella pizza fumante e invece ci si è trovati davanti a vere prelibatezze come la zuppa di pipistrello…

Nella parte successiva del Social Club, gli studenti hanno dovuto, in gruppi, collegare la descrizione di un certo cibo disgustoso con la sua immagine. E' stata l'occasione per condividere esperienze interessanti: una studentessa aveva assaggiato il caffè più caro al mondo, il Kopi Luwak, derivante dalla digestione e defecazione di particolari bacche da parte di scoiattoli indonesiani. Chi avrebbe mai immaginato che lo si può a buon titolo inserire tra i cibi "delicious"? Un altro studente, invece, aveva assaggiato il Casu Marzu, celebre formaggio infestato dalle larve. Lo studente ha vinto la timidezza iniziale e si è lanciato in una vera apologia di questa prelibatezza sarda! Purtroppo, altre "delicacies" come l'embrione di anatra o le tarantole fritte non hanno trovato sostenitori altrettanto agguerriti…

Nella seconda parte della lezione, abbiamo letto un brano sul mangiare insetti come pratica alimentare per un mondo più sostenibile. La classe è stata divisa in coppie: una persona doveva convincere l'altra che gli insetti non sono così disgustosi come sembra, e che cambiare la nostra alimentazione è un passo importante per proteggere il pianeta.

Non tutti gli "scettici" hanno cambiato idea, nonostante i benefici del mangiare insetti, secondo i creativi studenti, siano molteplici: si possono mangiare durante le diete, sono facili da conservare, riducono l'impatto sull'ambiente e, dulcis in fundo… fanno bene alla pelle! 

Ci siamo salutati con un bell'augurio: enjoy your lunch!

Argomenti: Meet the Staff

Commenti