LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

English slangs: le sfumature dell'inglese

Pubblicato il 12/04/16 9.21

Uno degli ostacoli più ardui, quando si dialoga con persone anglofone,  è molto spesso lo slang del nostro interlocutore.

Ecco dunque qualche esempio su quanto la lingua inglese cambi nelle sue varianti parlate. Esistono infatti  centinaia di modi di dire, espressioni gergali e vocaboli che variano a seconda della provenienza, e rendono spesso difficile la comprensione anche tra gli stessi madrelingua!

Il caso più eclatante di questo fenomeno si ha senza dubbio quando mettiamo a confronto un vero British con un parlante americano: tipiche sono le incomprensioni riguardo alle patatine fritte, chiamate in America “French fries”, mentre in Inghilterra “Chips” (in America con il termine chips si indicano le patatine da aperitivo, quelle nel sacchetto);  oppure quelle riguardo all’uso della parola “Wicked”, che se nel british english indica qualcosa di cattivo, malvagio, in slang americano significa invece stupendo, fantastico.

Ancora più divertenti sono le espressioni gergali tipiche di queste due varianti della lingua: un parlante americano trova infatti molto divertenti  modi di dire inglesi come “To be chuffed to bits”, che significa essere contenti per qualcosa, “Not my cup of tea”,  traducibile con “non fa per me”, oppure “Bob’s your uncle”, espressione senza un significato preciso, che serve per terminare una frase quando non c’è nient’altro da aggiungere.

Anche lo slang americano, tuttavia, contiene espressioni divertenti per l’orecchio dei parlanti di altre nazionalità; primo fra tutti troviamo “Chin wag”, verbo che significa semplicemente chiacchierare con qualcuno, o “Big gun” per indicare qualcuno di potente, altolocato.

Una menzione speciale meritano poi le tipiche espressioni britanniche “in rima”: “Bee’s knees”, che significa meraviglioso,  “Absobloodylootley”,  che è semplicemente un modo creativo per dire sì, o anche “Duck and dive”, che indica il nascondere qualcosa o qualcuno.

Stay tuned!

Presto proseguiremo il nostro viaggio nelle sfumature della lingua inglese!

Argomenti: Travel&Fun, Education & Career

Commenti