LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

Martin Luther King: I have a dream

Pubblicato il 21/09/17 9.45

Martin LuterKing.jpg

 

 

In questo articolo troverai:
  • Esercitarsi con l’inglese attraverso i discorsi celebri
  • I have a dream, il discorso
  • I pro di esercitarsi con l’inglese attraverso i discorsi celebri

 

 

Esercitarsi con l’inglese attraverso i discorsi celebri

Ci sono tanti modi per esercitarsi con l’inglese divertendosi, rendendo più semplice il processo di miglioramento di una nuova lingua. Moltissime persone scelgono la musica, altri  film e serie TV (al giorno d’oggi ce ne sono così tante che sarà difficile scegliere), altre ancora utilizzano Youtube.

Ma c’è un altro modo per esercitarsi con l’inglese, un modo che potrebbe interessare una fascia di persone più ristretta, più selezionata, come gli amanti dell’arte oratoria, ad esempio.

I discorsi dei personaggi celebri, dei politici, degli attivisti (in inglese gli speech) sono un buon modo per migliorare la propria produzione scritta e orale e per accrescere la propria competenza linguistica.

 

I have a dream, il discorso

Sapevi che il celebre discorso I have a dream di Martin Luther King - diventato da quel momento in poi un’icona universale per la lotta contro il razzismo e la segregazione razziale - è un discorso a braccio? Fino al 27 agosto del 1963, giorno prima del suo discorso, King non aveva ben definito contenuti e modalità del suo discorso, finché la cantante gospel Mahalia Jackson gridò “Tell them about the dream, Martin!” (“Parla del sogno, Martin”, ndt). Ed è così che nacque uno degli speech più iconici.

Il discorso di Martin Luther King durò ben 17 minuti. Per comodità, di seguito riporteremo solo la seconda parte - quella più famosa, quella più memorabile, quella che tutti abbiamo sentito almeno una volta - intervallata dalla sua traduzione in italiano.

 

I say to you today, my friends, so even though we face the difficulties of today and tomorrow, I still have a dream.
It is a dream deeply rooted in the American dream.
I have a dream that one day this nation will rise up and live out the true meaning of its creed: “We hold these truths to be self-evident: that all men are created equal.”

E perciò, amici miei, vi dico che, anche se dovrete affrontare le asperità di oggi e di domani, io ho sempre davanti a me un sogno.
E’ un sogno profondamente radicato nel sogno americano, che un giorno questa nazione si leverà in piedi e vivrà fino in fondo il senso delle sue convinzioni: “Noi riteniamo ovvia questa verità, che tutti gli uomini sono creati uguali.”

I have a dream that one day on the red hills of Georgia the sons of former slaves and the sons of former slave owners will be able to sit down together at the table of brotherhood.
I have a dream that one day even the state of Mississippi, a state sweltering with the heat of injustice, sweltering with the heat of oppression, will be transformed into an oasis of freedom and justice.
I have a dream that my four little children will one day live in a nation where they will not be judged by the color of their skin but by the content of their character.
I have a dream today.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.
Io ho davanti a me un sogno, che un giorno perfino lo stato del Mississippi, uno stato colmo dell’arroganza dell’ingiustizia, colmo dell’arroganza dell’oppressione, si trasformerà in un’oasi di libertà e giustizia.
Io ho davanti a me un sogno, che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per le qualità del loro carattere. 
Ho davanti a me un sogno, oggi!

I have a dream that one day, down in Alabama, with its vicious racists, with its governor having his lips dripping with the words of interposition and nullification.
One day right there in Alabama, little black boys and black girls will be able to join hands with little white boys and white girls as sisters and brothers.
I have a dream today.
I have a dream that one day every valley shall be exalted, every hill and mountain shall be made low, the rough places will be made plain, and the crooked places will be made straight, and the glory of the Lord shall be revealed, and all flesh shall see it together.

Ho un sogno, che un giorno, laggiù in Alabama, dove i razzisti sono più che mai accaniti, dove il governatore non parla d’altro che di potere di compromesso interlocutorio e di annullamento delle leggi federali, un giorno, proprio là nell’Alabama, i bambini neri e le bambine nere potranno prendere per mano bambini bianchi e bambine bianche, come fratelli e sorelle.
Oggi ho un sogno.
Io ho davanti a me un sogno, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno.

This is our hope, this is the faith that I go back to the South with.
With this faith we will be able to hew out of the mountain of despair a stone of hope.
With this faith we will be able to transform the jangling discords of our nation into a beautiful symphony of brotherhood.
With this faith we will be able to work together, to pray together, to struggle together, to go to jail together, to stand up for freedom together, knowing that we will be free one day.

E’ questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud.
Con questa fede saremo in grado di strappare alla montagna della disperazione una pietra di speranza.
Con questa fede saremo in grado di trasformare le stridenti discordie della nostra nazione in una bellissima sinfonia di fratellanza.
Con questa fede saremo in grado di lavorare insieme, di pregare insieme, di lottare insieme, di andare insieme in carcere, di difendere insieme la libertà, sapendo che un giorno saremo liberi.

This will be the day when all of God’s children will be able to sing with a new meaning, “My country, ‘tis of thee, sweet land of liberty, of thee I sing.
Land where my fathers died, land of the pilgrim’s pride, from every mountainside, let freedom ring.”
And if America is to be a great nation this must become true.

Quello sarà il giorno in cui tutti i figli di Dio sapranno cantare con significati nuovi: paese mio, di te, dolce terra di libertà, di te io canto; terra dove morirono i miei padri, terra orgoglio del pellegrino, da ogni pendice di montagna risuoni la libertà; e se l’America vuole essere una grande nazione possa questo accadere.

So let freedom ring from the prodigious hilltops of New Hampshire.
Let freedom ring from the mighty mountains of New York.
Let freedom ring from the heightening Alleghenies of Pennsylvania!
Let freedom ring from the snowcapped Rockies of Colorado!
Let freedom ring from the curvaceous slopes of California!


Che possa risuonare la libertà dalle colossali vette del New Hampshire.
Risuoni quindi la libertà dalle poderose montagne dello stato di New York.
Risuoni la libertà negli alti Allegheny della Pennsylvania.
Risuoni la libertà dalle Montagne Rocciose del Colorado, imbiancate di neve.
Risuoni la libertà dai dolci pendii della California.

But not only that; let freedom ring from Stone Mountain of Georgia!
Let freedom ring from Lookout Mountain of Tennessee!
Let freedom ring from every hill and molehill of Mississippi.
From every mountainside, let freedom ring.


Ma non soltanto. Risuoni la libertà dalla Stone Mountain della Georgia.
Risuoni la libertà dalla Lookout Mountain del Tennessee.
Risuoni la libertà da ogni monte e monticello del Mississippi.
Da ogni pendice risuoni la libertà.

And when this happens, when we allow freedom to ring, when we let it ring from every village and every hamlet, from every state and every city, we will be able to speed up that day when all of God’s children, black men and white men, Jews and Gentiles, Protestants and Catholics, will be able to join hands and sing in the words of the old Negro spiritual, “Free at last! free at last! thank God Almighty, we are free at last!”

 

E quando lasciamo risuonare la libertà, quando le permettiamo di risuonare da ogni villaggio e da ogni borgo, da ogni stato e da ogni città, acceleriamo anche quel giorno in cui tutti i figli di Dio, neri e bianchi, ebrei e gentili, cattolici e protestanti, sapranno unire le mani e cantare con le parole del vecchio spiritual: "Liberi finalmente, liberi finalmente; grazie Dio Onnipotente, siamo liberi finalmente".

 

I pro di esercitarsi con l’inglese attraverso i discorsi celebri

Gli speech molto sono utili per migliorare il  proprio vocabolario inglese perché, in questo tipo di elaborati, si fa un uso attento delle parole. Nei discorsi, ogni parola è limata e pesata per esprimere esattamente una determinata idea, per includere o escludere la folla, per fare dei rimandi, delle allusioni. I discorsi contengono moltissime espressioni idiomatiche e contemplano differenti sfumature linguistiche.

Quella oratoria è una vera e propria arte. Nei discorsi, tutti i migliori oratori devono rendere partecipe la gente che li ascolta: il momento del discorso, quindi, non è quasi mai improvvisato, bensì studiato nei minimi dettagli. Parole, ripetizioni, intonazione, pause strategiche, linguaggio non verbale: niente è lasciato al caso. Lo sapeva Obama, lo sapeva Churchill, e lo sapevano anche Gandhi e Kennedy.

Tutto ciò è così vero che ci sono degli studi a riguardo,  condotti sui più famosi discorsi dei migliori oratori e sulle tattiche da loro utilizzate. Tant’è che questi non vengono scritti quasi mai dall’oratore, ma da persone apposite, da un’equipe che sa cosa comunicare e come comunicarlo. Ciò non toglie che a volte l’oratore possa apportare delle modifiche per rendere il discorso più suo, per personalizzarlo, per risultare più convincente.

E tu? Hai mai immaginato di parlare davanti a milioni di persone? Di cosa vorresti parlare?

Scrivilo nei commenti: siamo curiosi di conoscerti meglio!

 

Argomenti: Travel&Fun

Commenti