LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

Viaggiare all’estero per lavoro: le 10 città europee più frequentate

Pubblicato il 06/12/17 16.46

Viaggiare all'estero per lavoro.jpg

Viaggiare all’estero per lavoro può essere una grande opportunità professionale, utile per ampliare i propri orizzonti e mettersi in gioco lavorativamente anche all’interno di nuove realtà, entrando in contatto con le modalità di lavoro di altri paesi. Non solo, può anche essere una possibilità interessante a livello personale per conoscere persone nuove e soprattutto per visitare la città di destinazione.  

Unire business e tempo libero? Si può! Anche i viaggi d’affari possono essere una buona occasione, tra una riunione e l’altra, per scoprire nuove città. Per definire questo tipo di turismo è stato persino coniato un termine: bleisure, ovvero business (lavoro) più leisure (tempo libero).

Tuttavia, quando si viaggia per lavoro, il tempo per visitare la città della trasferta non è mai abbastanza a causa dei numerosi impegni e dei tempi ristretti, ma la speranza è sempre quella di riuscire a trovare dei momenti per dare un’occhiata a ciò che la città propone. Per questo è bene ottimizzare il tempo libero e focalizzarsi sui monumenti più importanti e sulle attrazioni da non perdere, per riuscire a gustarsi un po’ di questa, seppur breve, possibilità. I musei in questi casi sono off-limits, cercate dunque la piazza più frequentata, la principale via dello shopping o la cattedrale più importante della città  e se riuscite approfittatene anche per mangiare i piatti tipici!

 

Carlson Wagonlit Travels ha redatto una classifica delle città più frequentate per motivi di lavoro sia in Europa che negli USA. A seconda dell’azienda, delle sue filiali e dei suoi obiettivi, le mete lavorative possono variare considerevolmente, tuttavia le principali città europee sono spesso destinazione privilegiata di numerosi meeting e congressi.

Ecco le più frequentate:

 

  1. Barcellona

gaudi-1285294_1280.jpg

Mentre negli Stati Uniti ai primi posti troviamo Miami, Orlando e Las Vegas, in Europa ad assicurarsi il primo posto è Barcellona. È infatti una delle città più belle e originali del continente, unica nel suo genere, soprattutto grazie alle morbide architetture e ai colorati mosaici lasciati in eredità da Gaudì. Vedere tutto e in poco tempo è impossibile, ma se proprio dovete scegliere allora iniziate a dirigervi verso la Sagrada Familia, la straordinaria basilica, in costruzione da più di un secolo, che è diventata uno dei monumenti simbolo della Spagna. Invece in pausa pranzo o magari dopo cena, approfittatene per passeggiare lungo La Rambla, storico viale frequentato sia di giorno che di notte da spagnoli e turisti, potreste fermarvi in un bar per assaggiare le famose tapas e una buona sangria.

 

  1. Lisbona

lisbona.jpg

Una delle cose più belle da fare a Lisbona è perdersi nei suoi vicoli, tuttavia, se il vostro tempo è limitato, perdersi forse potrebbe non essere la scelta migliore. Visitare i principali  quartieri della città può essere una valida alternativa: per scoprire la vera Lisbona passeggiate tra Bairro Alto, il quartiere della musica e del divertimento, tra le architetture neoclassiche di Baixa, nel quartiere di Belém, ricco di monumenti tra i quali spicca la Torre di Belém, ed infine il Chiado, zona ricca di negozi e librerie. Come contemplare al meglio la bellezza di questa città? In tram! Elemento urbano che ormai contraddistingue Lisbona.

 

  1. Londra

londra.jpg

Sebbene Londra potrà dirsi città europea ancora per poco a causa della Brexit, senz’altro questa città lo rimarrà culturalmente. È infatti tra le città più visitate d’Europa sia per turismo che per motivi di lavoro, da sempre cosmopolita in quanto crocevia di culture e nazionalità differenti. Londra è ricca di fascino e di numerose attrazioni tra cui è difficile scegliere, tuttavia, se avete pochi giorni (o addirittura poche ore) passeggiare nella zona centrale, a pochi passi dal Tamigi, tra la maestosità del London Eye, l’imponenza del Big Ben e la bellezza dell’abbazia di Westminster può essere l’opzione migliore. Se riuscite, fate un giro sui classici autobus rossi a due piani, può essere un’occasione veloce per dare un’occhiata alla città e alle sue vie senza perdere troppo tempo. E, se vi capita, non perdete l’occasione di assaggiare la tipica English Breakfast!

 

  1. Dublino

dublino.jpg

Dublino, nonostante sia una piccola città, è molto frequentata e apprezzata. Se avete poco tempo è perfetta perché proprio grazie alle sue piccoli dimensioni, è visitabile a piedi, passeggiando tra le vie del centro intorno allo storico Temple Bar, alla statua di Molly Malone e ai giardini di St. Stephen Green per qualche minuto di relax, fino ad arrivare alle sponde del Liffey, il fiume che attraversa Dublino. Nel centro storico merita di essere visitata la St. Patrick Cathedral.

Ma il must di questa città è senz’altro la Guinness: entrate in un pub e ordinatene una!

 

  1. Amsterdam

amsterdam.jpg

Romanticamente chiamata anche “Venezia del Nord”, proprio a causa della sua conformazione urbana che la rende simile alla città di Venezia, Amsterdam sorge su un letto di canali che la rendono unica tra le città europee.

Città ricca di musicisti e biciclette, è piccola ma accogliente, e saprà sorprendervi con i suoi palazzi tipici e l’allegria che trasmette. Sebbene con il tempo contato sia meglio non chiudersi in un museo, tuttavia, se siete amanti dell’arte forse in questo caso si può fare un’eccezione e concedersi una visita al Van Gogh Museum, che possiede la più grande collezione di dipinti del pittore.

 

  1. Bruxelles

brussels.jpg

Bruxelles, cuore della politica europea, è la sede di importanti istituzioni tra cui la Commissione europea, il Consiglio dell’Unione europea e il Parlamento europeo. La Grand Place vi introdurrà all’interno della città e qui potrete lasciarvi stupire dall’architettura fiamminga che la caratterizza, che la rende una delle piazze più belle d’Europa. Luogo di ritrovo e centro storico della città, è senz’altro il punto di partenza per visitarla, osservando la bellezza dei suoi maestosi edifici, in particolare dell’Hotel de Ville e della Cattedrale di San Michele e Santa Gudula, passeggiando tra i palazzi delle antiche corporazioni. Cercate un bar intorno alla piazza e gustatevi l’atmosfera sorseggiando un’ottima birra belga.

 

  1. Nizza

nizza.jpg

Ebbene sì, la città francese più frequentata per motivi di business è Nizza, seguita poi da Parigi. In quanto città della costa azzurra, una passeggiata lungo la Promenade des Anglais, il famoso lungomare di Nizza, è d’obbligo. In poco tempo potete raggiungere anche Place Garibaldi e Place Messena, cuore della città.

Se invece decidete di prolungare la permanenza, i musei di Chagall e Matisse sono dei gioielli artistici da non perdere.

 

  1. Ginevra

ginevra.jpg

Metropoli piccola ma con un’alta qualità della vita, Ginevra, oltre che essere un importante centro finanziario, è innanzitutto una città internazionale, dal momento che ospita importanti istituzioni internazionali per la tutela dei diritti umani. Visitate i bianchi viali della città vecchia, in cima alla quale si trova la cattedrale protestante di St. Pierre. Uno dei simboli di Ginevra è il celebre Jet d’eau, molto suggestivo e visibile da tutta la città, è la fontana più alta d’Europa, situata nel punto in cui il Lago Lemano e il Rodano si incontrano.

 

  1. Stoccolma

stoccolma.jpg

Fino ad oggi sottovalutata per i viaggi di affari, recentemente Stoccolma si sta prendendo la sua rivincita. Anche se meno frequentata delle precedenti, è una città ricca di storia e cultura, caratterizzata da un’atmosfera tranquilla e dal fascino tipico delle città nordiche. Si può cominciare ammirando il Palazzo Reale e il Municipio di Stoccolma (luogo in cui si svolge la cerimonia di consegna dei premi Nobel), che con le loro guglie definiscono il profilo urbano della città.

In quanto città marittima, i piatti tipici della cucina svedese sono a base di pesce, in particolare salmone e aringhe.

 

  1. Copenaghen

copenhagen.jpg

Come Stoccolma così anche la capitale danese è intrisa di fascino nord europeo. Qui l’inglese è parlato molto bene e l’atmosfera è gentile e rispettosa. Se vi trovate a Copenaghen non si può non passare ad osservare la famosa Sirenetta, scultura che rappresenta la protagonista della favola di Hans Christian Andersen. Camminando per il centro della città potreste visitare la chiesa di Marmorkirken e ammirare Amalienborg, palazzo della famiglia reale danese. Per chi invece volesse dedicarsi a qualche rapido acquisto, anche a Copenaghen non manca la classica via dello shopping, Stroget, che è anche la principale via della città.

Se invece volete limitarvi a una suggestiva veduta dell’intera città dall’alto allora incamminatevi verso la Torre Rotonda, l’antico osservatorio astronomico.

 

A prescindere dalla meta, il nostro consiglio è di cominciare ad abituarsi alla lingua sin dalla partenza, leggendo riviste e giornali in inglese nei momenti di attesa, come in aeroporto o durante il viaggio.

E tu saresti in grado di affrontare una trasferta di lavoro? Metti alla prova il tuo inglese con il nostro di test di Business English per scoprirlo!

 

TESTA IL TUO BUSINESS ENGLISH

 

Argomenti: Travel&Fun

Commenti