LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

Cosa leggere online per migliorare la padronanza dell'inglese?

Pubblicato il 20/06/18 15.18

Cosa leggere online per migliorare la padronanza dell'inglese? - Wall Street English

Cosa fare per mantenere viva la conoscenza dell’inglese, o di una lingua straniera in generale, dopo aver frequentato un corso e aver sostenuto il relativo esame? Come comportarsi se l’inglese, studiato alle scuole superiori ormai più di qualche anno fa, è stato quasi del tutto dimenticato? In che modo è possibile rispolverare le proprie basi di inglese, magari arricchendole e approfondendole con nozioni nuove?

Una lingua non è una materia di studio che si impara una tantum. Parlare una lingua significa praticarla ogni giorno: conversare con dei colleghi stranieri, guardare un film in lingua originale, leggere delle testate giornalistiche estere sono solo alcuni dei consigli utili per mantenere viva questa conoscenza. Non basta, infatti, aver frequentato delle lezioni d’inglese per saperlo parlare, né si potrà considerare valido un attestato – anche di un certo livello – se la lingua è stata abbandonata il minuto dopo aver terminato una verifica. Le lingue, sempre in continua evoluzione, non solo vanno allenate su base regolare, ma sarebbe anche utile informarsi di tanto in tanto su quella forma verbale ormai obsoleta, su un nuovo modo di dire diffuso tra i ragazzi o sul nuovo vocabolo comparso sul dizionario.

Al contrario di quanto si pensi, però, praticare l’inglese non è affatto difficile: Internet o la TV a pagamento (e ormai non solo quella) ci danno la possibilità di accedere a migliaia di contenuti diversi in varie lingue, sia gratuitamente che a prezzi accessibili. In questo modo, diversamente da qualche decennio fa, studiare, imparare e migliorarsi è diventato talmente semplice, che è quasi un peccato non impegnarsi ogni giorno in qualcosa di nuovo.

Quali sono, dunque, i metodi migliori per migliorare la padronanza dell’inglese?

  • Guardare video in lingua inglese, che siano essi film, serie tv, programmi sulla tv via cavo o puntate in streaming, ma anche semplicemente seguire lo Youtuber straniero o il canale che fa video sul proprio hobby preferito.
  • Parlare con qualcuno, dal collega di lavoro con cui comunicare in inglese agli amici di Erasmus degli altri Paesi conosciuti ai tempi dell’università, passando per il turista straniero in cerca di informazioni su come raggiungere un punto di interesse, ecc.
  • Allenarsi nella produzione scritta, essendo attivi sui forum o cercando nuove persone da conoscere su Facebook o sui tanti social e gruppi disponibili che riguardano un argomento specifico o addirittura l’apprendimento di una nuova lingua.
  • Trascrivere e riguardare termini ed espressioni nuove apprese durante la visione di un film, la lettura di un libro ecc. perché questo metodo aiuta a memorizzarli a lungo termine.
  • Fare un viaggio all’estero è senza dubbio uno dei consigli migliori per migliorare l’inglese, perché in questo modo si è costretti a usare la lingua: che sia per una lunga trasferta di lavoro, per uno stage o per un viaggio di piacere, fate in modo di trarre la migliore esperienza possibile da questo viaggio e cercate di praticare il vostro inglese il più possibile.
  • Essere curiosi e non fermarsi mai quando si trova l’informazione che si cerca, ma approfondire sempre, cercare un metodo o un’informazione alternativa, volerne sapere di più… se poi si trovano aneddoti curiosi da associare all’informazione iniziale, state certi che vi rimarrà impressa per sempre.
  • L’ultimo (ma non per importanza) consiglio fondamentale per migliorare il proprio inglese è leggere. A seconda del motivo per cui volete migliorare il vostro inglese potremmo suggerirvi letture diverse: volete migliorare e basta? Vi serve per viaggiare? Dovete affrontare una trasferta di lavoro? Ne avete bisogno per diletto o per curiosità? In questi casi, ecco cosa leggere online e offline per migliorare la padronanza dell’inglese, sapendo che da ogni lettura trarrete dei benefici diversi, ma sempre utili.
    • Il consiglio più ovvio è quello di scegliere libri di narrativa semplici, magari anche per ragazzi: l’importante è che vi piacciano e vi coinvolgano. Oppure libri scolastici sull’inglese o che trattano un argomento che volete approfondire per diletto o per lavoro: in quest’ultimo caso vi tornerà utile conoscere già la terminologia in inglese nel caso in cui abbiate rapporti con l’estero. Non vi sarà difficile trovarli sia nelle librerie fisiche o online, sia nelle biblioteche, e anche in formato digitale.
    • Libri impostati appositamente per uso didattico, ossia quei libri adatti al livello B1 piuttosto che B2. Di solito si tratta di riadattamenti di libri classici, riassunti e semplificati.
    • Libri con audiolibro. Molto spesso capita di trovare dei termini che si è abituati a leggere, ma di cui non si è mai sentita la pronuncia: dato che in inglese la pronuncia di una parola non è mai scontata, l’audiolibro può tornare utile sia per questo fine, sia per fissare meglio il concetto, grazie all’associazione tra parola scritta e parte audio.
    • Leggere le principali testate giornalistiche estere: per quanto riguarda il Regno Unito, ricordiamo The Sun, il Daily Mail e il Daily Mirror, oppure il Daily Star, per chi nel tempo libero si lascia intrattenere dal gossip; ma anche il Wall Street Journal, il New York Times, il Washington Post negli Stati Uniti.  Si tratta solo di alcuni dei più famosi giornali, ma ne esistono diversi.
    • Ci sono poi anche testate che nascono online: tra gli esempi più lampanti c’è l’Huffington post, che riporta notizie di qualsiasi genere, dalla cronaca al gossip e molto altro.
    • Vi consigliamo anche di seguire i blog sugli argomenti di vostro interesse: moda, motori, casa, cura della persona e qualsiasi cosa possa interessarvi.

Migliorare la propria padronanza dell’inglese è probabile. Farlo leggendo è possibile. Farlo grazie a Internet è reale.

Se vuoi, intanto, puoi testare il tuo inglese con i nostri test online gratuiti!

In bocca al lupo!

TESTA IL TUO INGLESE

Argomenti: Education & Career

Commenti