LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

Frasi in inglese da conoscere per risolvere gli imprevisti in aeroporto

Pubblicato il 11/04/19 12.30

Frasi in inglese da conoscere per risolvere gli imprevisti in aeroporto - Wall Street English

La primavera è arrivata, il sole riscalda ormai le nostre giornate e l’unica cosa a cui riesci a pensare è andare in vacanza. Non vedi l’ora di partire anche quest’anno e magari non hai ancora scelto la destinazione: probabilmente ti farai guidare dagli amici, o dall’offerta più allettante. Quel che è certo è che negli ultimi anni hai girato l’Italia in lungo e in largo, e quest’anno hai proprio voglia di andare all’estero.

Però... e se all’aeroporto dovessi avere qualche problema? E se dovessi scegliere una di quelle mete per cui potrebbero richiederti tutta una serie di documenti? Tra il Regno Unito che dovrebbe uscire dall’Unione Europea, i vari visti richiesti dagli stati oltreoceano e le tante restrizioni dei Paesi più lontani, hai deciso che non vuoi proprio sbagliare. Che è meglio informarsi prima, e bene, in modo da arrivare preparato e goderti la tua lunga e meritata vacanza.

L’inglese è la lingua più utilizzata negli aeroporti internazionali - vale a dire in quegli aeroporti che fungono da snodo per le varie destinazioni estere più o meno lontane - sia dal personale e dagli assistenti, sia dalla segnaletica. Sarà, quindi, non solo importante, ma fondamentale riuscire a capire e a comunicare con la gente.

Ed è proprio per aiutarti che abbiamo deciso di creare per te una mini-guida di inglese utile per viaggiare, raccogliendo le frasi da utilizzare in base alle diverse occasioni.

 

In dogana

Sei partito dall’Italia, e fin qui nessun problema. Ma una volta arrivato a destinazione, potrebbero fare dei controlli a campione. In questi casi potrebbero chiederti:

How long are you going to stay?

In momenti “politici” particolari, potrebbero richiederti quanto tempo hai intenzione di soggiornare in quel Paese, oppure

Can I see your return ticket?

ossia il biglietto che comprovi che la tua è solo una vacanza e non, ad esempio, un tentativo di entrare nel Paese illegalmente.

Contestualmente, sicuramente ti chiederanno your passport and ticket, please, ossia passaporto e biglietto, prego. Potrebbero anche farti domande del tipo

Did you pack your bags yourself? Oppure Do you have anything to declare?

Queste frasi, che sembrano appartenere solo ai film, in realtà sono di routine soprattutto negli aeroporti di quei Paesi in cui è vietato introdurre (o portare fuori) determinati cibi, piante, animali, etc.

Se dici di aver preparato le valigie da solo e di non avere niente da dichiarare, assicurati di aver rispettato i divieti del posto!

 

Al ristorante

Cosa c’è di meglio di andare in un posto nuovo, esplorarne i posti, conoscerne la cultura e... mangiare cibo locale? E allora prenota un ristorante tipico! Potresti scegliere uno di quei ristoranti presenti sulle guide, dove magari mangerai un menù turistico, forse adattato ai tuoi gusti, e dove il personale di sala parlerà italiano. Oppure potresti fare delle ricerche approfondite, cercare quel posticino sperduto dove si mangia il miglior piatto tipico del posto, preparato seguendo una ricetta che si tramanda ormai da generazioni, dove il cibo è sempre fresco e gustoso e... dove i proprietari parlano solo nella loro lingua o, al massimo, riescono a esprimersi in inglese! In questo caso, telefona in anticipo e dici

I’d like to make a reservation oppure I’d like to book a table, please

Per prenotare un tavolo e assicurarti di provare quella specialità di cui tutti parlano. Una volta lì, vai fino in fondo e chiedi al personale

What do you recommend?

Cosa ti consigliano di ordinare? Potrebbe essere il loro piatto forte, assolutamente da non perdere, oppure un fuori menù preparato con ingredienti freschissimi e di stagione. Se è il tuo caso, ricorda al cameriere che hai delle intolleranze o delle allergie

I have a gluten/dairy products/nuts allergy/intolerance.

Scopri altre frasi per ordinare del cibo al ristorante in inglese: Leggi il nostro articolo!

 

In hotel

Dopo un volo più o meno lungo e una capatina al ristorante, è arrivato il momento di andare in albergo a riposarti. Entrando, dirai al receptionist

I booked a room oppure I’ve got a reservation. My name is...

Dopodiché, sicuramente ti sarà richiesto un documento di identità (your identity document), e poi probabilmente

Can you fill in the registration form, please?

potresti dover compilare un documento con le tue informazioni personali.

Here is your key. Your room number is 321, on the third floor. Breakfast is served from 6 to 11 am.  

Enjoy your stay!

E così, con le tue chiavi, potrai dirigerti in camera tua, al terzo piano. E domani mattina, dopo una ricca colazione locale o continentale, sarai pronto per dare davvero inizio alla tua avventura.

 

Come è noto, ci sono alcuni posti, ad esempio quelli molto turistici oppure le grandi metropoli, in cui il personale conosce almeno qualche lingua. Se viaggi in Europa, e magari vicino ai confini italiani, potresti trovare perfino qualcuno che parla italiano. E se è vero che di italiani all’estero ce ne sono tanti e che l’italiano è una lingua che viene sempre più studiata all’estero, è anche vero che è sempre meglio non essere impreparati. L’inglese, almeno quello di base, è parlato dalla maggior parte delle persone. E allora perché non cogliere l’occasione per rinfrescarsi la memoria e ripassarlo un po'? Basteranno le nozioni di base e un vocabolario mirato per potersi godere il viaggio senza dover rinunciare a nulla per via della lingua. All’inizio, magari, riprendere in mano il tuo inglese sarà un esercizio un po’ meccanico, dovrai memorizzare nuovi termini ed espressioni, andare a riprendere qualche regola... ma vedrai che con l’esercizio e la pratica della lingua sarà un gioco da ragazzi.

E se invece scegli di partire dal tuo viaggio per riprendere completamente in mano questa lingua parlata da tutti, che non pratichi più dai tempi della scuola, ma che magari potrebbe darti una spinta in più anche al lavoro, puoi frequentare un corso e, magari, prendere una certificazione.

Se vuoi frequentare un corso di inglese per viaggiare e farti trovare pronto agli imprevisti all'estero, abbiamo il corso che fa per te:

SCOPRI DI PIÙ>>

Argomenti: Travel&Fun

Commenti