LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

Parole ed espressioni in inglese da usare durante le vacanze

Pubblicato il 11/09/18 12.30

Parole ed espressioni in inglese da usare durante le vacanze - Wall Street English

 È la prima volta che vai in vacanza fuori dall'Italia e per di più non sarai solo: quest'anno, infatti, a partire con te sarà una persona molto speciale, una persona da cui cercavi di farti notare da tanto tempo e che, con perseveranza e un po' di faccia tosta, sei riuscito ad avvicinare.

Oppure cambiamo scenario. È estate e hai deciso finalmente di mettere alla prova le tue conoscenze linguistiche andando direttamente alla "fonte": per questa vacanza hai scelto di visitare Londra e le città limitrofe, sia per scoprire posti nuovi, sia per accrescere il tuo bagaglio lessicale e linguistico.

O, ancora, vuoi così tanto vedere i bellissimi paesaggi inglesi o la Grande Mela che hai deciso di dire basta alla vocina interiore che ti fa salire l'ansia e la paura di non farcela e hai fatto il grande passo, prenotando la tua vacanza in terra anglofona, senza curarti del fatto che l'ultima volta che hai parlato in inglese è stato per sostenere l'idoneità di Lingua Straniera all'università (e da allora ne è passata di acqua sotto i ponti...).

Qualunque sia il tuo caso, la tua motivazione di base o la tua situazione di partenza, niente paura: che tu sia un principiante o un po' più esperto non importa. Qui vedremo quali sono le parole e le frasi della lingua inglese che ti torneranno più utili durante la tua vacanza o il tuo soggiorno all'estero.

Ecco, dunque, le espressioni più utili da usare in vacanza:

  • Prima di partire, ti consigliamo vivamente di prenotare una camera, per evitare di doverti far pervadere dall'ansia di non trovare un alloggio o di trovarne uno con un pessimo rapporto qualità/prezzo: in questo modo, potrai optare per la soluzione più adatta alle tue esigenze a scelta tra albergo, ostello, stanza in affitto, o anche una casa. Ecco come prenotare una camera:
    • "I would like to book a room", utilizzando il verbo to book (prenotare)

oppure

    • "I would like to make a reservation", utilizzando il nome reservation (prenotazione)

Ricorda che in alcuni casi ti converrà anche prenotare un ticket, ossia un biglietto per accedere a un museo, un'attrazione, … farlo in anticipo ti permetterà di pagare meno e saltare le code!

  • Ti consigliamo, dunque, di prenotare, a meno che il tuo non sia un viaggio on the road, espressione che indica un viaggio in cui la prima attrazione è il viaggio stesso, lo spostarsi continuamente per raggiungere determinati posti.
  • Una volta giunto a destinazione, consulta una mappa - cartacea o on-line - per raggiungere la tua meta; oppure, se sei più tradizionalista, puoi chiedere come arrivare in albergo dicendo: "How do I get to the hotel?"
  • Sei in giro a fare shopping? Tutto regolare: i souvenir sono una parte del viaggio stesso.

Se sei in un negozio e ti offrono aiuto, puoi rispondere "I am just looking, thank you."

Se hai bisogno di chiedere il costo di un articolo, dici "How much is this?"

Se vuoi chiedere di pagare con carta di credito, dirai "Can I pay with (credit) card?" La carta di credito è la soluzione più comoda in viaggio, perché ci permette sia di non portare con noi troppi contanti, sia di non pagare le commissioni in quei paesi che utilizzano una moneta diversa dalla nostra. Ma anche se ormai con la carta si può pagare dovunque e qualunque cosa, ricorda che potrebbe esserci sempre qualche negozietto che non ha il POS.

  • Se vuoi fare una foto con il tuo partner in crime e non sei un tipo da selfie, chiedi gentilmente a qualche passante "Can you take us a picture, please?"
  • Se non vuoi essere uno di quelli che visita solo i posti turistici e che mangia solo nelle catene o nei ristoranti italiani, fatti furbo e chiedi some information a qualcuno del posto. Un'idea potrebbe essere il receptionist della struttura in cui pernotti, ma non fermarti mai solamente alla sua opinione: il suo consiglio potrebbe essere influenzato o condizionato da qualche convenzione in atto tra la struttura stessa e i luoghi che ti sta consigliando. Meglio, dunque, cercare di allontanarsi un po' dai posti turistici, studiare le periferie o entrare in un supermercato per incontrare gente del posto e chiedere:

                                   "Can you suggest me some non-touristy things to visit/to do?"

                                                                            oppure

     "Where can I eat the best *fish and chips* in town (o qualsiasi cosa di tipico vogliate provare)?"

In questo modo ti assicurerai di vivere appieno la tua vacanza, rilassandoti, ma allo stesso tempo vivendo come una persona del posto: essere in vacanza è bello, ma vivere un posto è un'altra cosa. Perchè come ha detto Henry Miller:

                                 "One destination is not a place, but a new way of seeing things"

E se durante la tua avventura all'estero dovessi aver bisogno di aiuto, non aver paura e... "ask for some help!" O, come ultima spiaggia, usa l’espressione "I don't speak English very well."

Viaggiare è sempre un'ottima idea: è utile a chi già conosce la lingua per migliorarla e affinarla, e a chi la conosce meno per imparare a entrare nel meccanismo e acquisire una sicurezza e una scioltezza sempre maggiori. E se dovesse succederti di dimenticare o di non conoscere qualche termine, non fare scena muta! Improvvisa o usa un giro di parole: il tuo interlocutore sa bene che l'inglese non è la tua lingua madre e troverà un modo per capirti e metterti a tuo agio!

 

Le tue valige sono pronte ma il tuo inglese ha bisogno di essere rispolverato? Allenati con il nostro test gratuito online.

Good luck and have a good trip!

 

 TESTA IL TUO INGLESE

Argomenti: Travel&Fun

Commenti