LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

Spelling bee, una lunga tradizione americana

Pubblicato il 19/05/21 11.22

Who knows Spelling Bees? They’re the famous spelling competitions in which the participants have to spell some words, letter by letter. We have already seen them on TV or in films for sure, like in the 2006-film “A word for a dream” in which Kate Palmer, a young Afro-American girl, wins competition after competition, up to the final.

It’s a tradition that began in 1925 in the USA, thanks to the Courier-Journal, the newspaper of Louisville, Kentucky, that founded the United States National Spelling Bee. The first winner was Frank Neuhauser with the word “Gladiolus”.

The spelling bees take place in almost all local schools once a year, up to the highest level which is represented by the Scripps National Spelling Bee it assigns a money prize to the winner: starting with the 250 participants, 40 are left in the final round that is showed live on TV during the prime hour by the channel that broadcasts the most important sport events.

The Greek and Latin philosophy professor Jacques Bally says the words with a normal speed and the participants have to spell them letter by letter; if they make a mistake they are excluded. The final round this year took place at the Maryland Convention Center on 1st June and saw the twelve-year old Indian girl Ananya Vinay win. Which word did she win with? “Marocain”.

Spelling Competition

Chi conosce le spelling bee? Si tratta delle celebri gare a eliminazione di ortografia in cui i concorrenti sono invitati a scandire le parole, lettera dopo lettera. Sicuramente le abbiamo viste almeno una volta nelle serie tv o nei film, come nel film uscito in Italia con il titolo di “Una parola per un sogno” del 2006 in cui Kate Palmer, una ragazzina afroamericana supera una gara dietro l’altra, fino ad arrivare alla finalissima.

Si tratta di una tradizione cominciata nel 1925 negli Stati Uniti, grazie al The Courier-Journal, il giornale di Louisville, in Kentucky che ha fondato l’United States National Spellig Bee, il primo vincitore è stato Frank Neuhauser con la parola “Gladiolus”.

Le spelling bee sono tenute annualmente da quasi tutte le scuole locali fino al livello massimo che è rappresentato dalla Scripps National Spelling Bee che assegna un premio in denaro al vincitore: da 250 selezionati, si arriva ai 40 del round conclusivo che viene trasmesso in diretta tv nell’ora di massimo ascolto dal canale che trasmette i più importanti eventi sportivi del paese.

Il professore universitario di filosofia greca e latina Jacques Bally pronuncia le parole a velocità normale e i concorrenti devono fare lo spelling, lettera dopo lettera, se sbagliano escono. La finalissima che si è svolta quest’anno l’1 giugno nel Convention Center del Meryland ha visto vincitrice la dodicenne di origine indiana Ananya Vinay. Con quale parola è riuscita in questa impresa? “Marocain”.

 

 

I partecipanti si preparano a questa intensa sfida studiando sui dizionari, il punto di riferimento è il dizionario integrale di Merriam-Webster, e sulle dispense preparate dagli organizzatori; in palio: la coppa, un premio di 40 mila dollari in contanti, buoni libri del valore di 2.500 dollari, la riproduzione dell’Enciclopedia Britannica del 1768 e le varie apparizioni televisive.

Volete mettervi alla prova e sfidare i vostri compagni di corso? Andate sul sito ufficiale http://spellingbee.com/

Argomenti: Travel&Fun

Commenti