LA STRADA DEL SUCCESSO
INIZIA DA QUI

Trova la tua ispirazione: i migliori film in inglese sul mondo del lavoro

Pubblicato il 06/04/18 11.46

shutterstock_476248681

Se cerchi suggerimenti su alcuni film da guardare in inglese relativi alla tematica del mondo del lavoro, allora sei nel posto giusto.

Di seguito ti forniamo alcuni titoli che abbiamo scelto per te: pensiamo possano aiutarti a trovare l’ispirazione o insegnarti qualcosa di utile per la tua avventura nella conoscenza della lingua inglese. 

Vediamo quali sono:
  • Lo stagista inaspettato (titolo originale, The Intern) è un film del 2015 che parla di Jules (Anne Hathaway), fondatrice di una startup che sta crescendo talmente in fretta che la protagonista si vede costretta ad assumere uno stagista senior. All’annuncio di lavoro risponde Ben (Robert De Niro), vedovo, pensionato e annoiato. Tra problemi di lavoro e problemi personali, il film verte anche sulla crescita di Jules e Ben, che vengono da due mondi lavorativi diametralmente opposti, ma che imparano a venirsi incontro e a fare compromessi adottando l’uno i consigli dell’altro, perché se da una parta c’è Jules, che lavora grazie al mondo digitale e della tecnologia, dall’altra c’è Ben che, sebbene sia ancora affezionato alla sua macchina da scrivere, ha dalla sua tanta esperienza e consigli da dare.
    Consigliato perché: ci insegna che il lavoro è frutto di tanto impegno ed esperienza ma anche di compromessi, così come la vita in generale.
  • Il diavolo veste Prada (titolo originale, The Devil wears Prada) è un film del 2006, tratto dall’omonimo libro di Lauren Weisberger. Il film vede tra i protagonisti Andy (di nuovo, Anne Hathaway), neo-laureata di grande talento e aspirante giornalista, che decide di fare un colloquio per entrare nell’entourage di Miranda Priestly (Meryl Streep), direttrice della famosa rivista Runway. Sebbene Andy non sia esattamente il tipo di persona interessata al mondo della moda e nonostante i colpi bassi subiti per colpa dei colleghi, Andy è capace e determinata, e impara non solo a fare il suo lavoro secondo gli altissimi standard di Miranda, ma anche a farsi voler bene, tanto da riuscire a ottenere una lettera di referenze dalla stessa Miranda e, quindi, a fare la giornalista per il Mirror.
    Consigliato perché: per quanto alto possa sembrare un ostacolo, essere tenaci – e preparati – dà sempre i suoi frutti.
  • Il diritto di contare (titolo originale, Hidden Figures) è un film del 2016 che ha per protagoniste la matematica Katherine (Taraji P. Henson) e le sue colleghe Dorothy (Octavia Spencer) e Mary (Janelle Monáe). Il film (ambientato tra il 1961 e il 1962) tratta un tema molto importante, ossia quello del sessismo e del razzismo subito dalle tre protagoniste - donne e afroamericane, ma sottolinea anche la loro forza e la loro preparazione, che le ha portate non solo a farsi notare, ma anche a farsi valere e a essere indispensabili per un lavoro che era considerata solo una “cosa da uomini”.
    Consigliato perché: è importante seguire i propri sogni, ma soprattutto lottare per valere i propri diritti.
  • Laureata… e adesso? (titolo originale, Post Grad Now What?), film del 2009, appartiene sicuramente a un genere diverso dai precedenti, ed è meno conosciuto. Parla di Ryden (Alexis Bledel), una neo-laureata che sogna di lavorare in una casa editrice. Il posto, però, viene assegnato alla sua acerrima nemica e Ryden è costretta a destreggiarsi tra la sua famiglia, la sua vita e la difficile ricerca di un impiego, trovandosi in una situazione che non aveva programmato. Il film, che richiama abbastanza le vicende di Rory Gilmore, protagonista di Una mamma per amica (interpretata sempre da Alexis Bledel), è una metafora della vita che non va esattamente come l’avevi immaginata, ma che ti mette davanti a degli ostacoli da superare.
    Consigliato perché: la vita non segue il copione che ti eri programmato e, in quel caso, bisogna non demordere perché se il piano A non funziona, ricorda che l’alfabeto ha altre 25 lettere.
  • Jobs è un film biografico del 2013 che descrive, appunto, la vita e la carriera di Steve Jobs (Ashton Kutcher), imprenditore, informatico e inventore, nonché cofondatore della Apple. La pellicola ripercorre la sua vita privata, sociale e lavorativa a partire da quando decide di abbandonare gli studi per rincorrerei i suoi interessi. Con pochi mezzi ma tanta voglia di fare, Steve Jobs riesce a fondare una società, e a diventarne amministratore delegato nonché grande uomo di successo, pur con i suoi passi falsi e i suoi fallimenti. Il film narra anche delle sue vicende personali, del suo carattere sopra le righe e della difficoltà dei suoi rapporti interpersonali.
    Consigliato perché: ci insegna che ognuno è speciale a modo suo, che la vita è fatta di scelte – anche impopolari – ma se sei il primo a crederci, anche gli altri lo faranno.

I film che ti abbiamo consigliato sono sicuramente incentrati sul mondo del lavoro, ma trattano anche i rapporti umani e, come ogni canzone, film e libri che si rispettino, ognuno riesce a trarre un insegnamento personale.

Nel suggerirti questi titoli, quello che volevamo sottolineare è l’importanza di sognare: potrai diventare giornalista come Andy, matematico o ingegnere come Katherine, Dorothy e Mary, imprenditore come Steve Jobs, oppure attore. Non farti trovare impreparato come Ryden solo perché avevi fatto progetti diversi: segui il tuo cuore, e se questo vuol dire trasferirsi fuori dall’Italia sii pronto a farlo.

E se vuoi farti trovare preparato migliora il tuo inglese: che tu voglia lavorare nel tuo Paese o fuori, è un punto importante. L’inglese è un mezzo di comunicazione imprescindibile, ma è anche un grande mezzo di informazione. Conoscendo l’inglese non solo potrai usufruire di più informazioni, ma potrai farlo in maniera immediata e diretta, senza dover ricorrere a terze persone (con la possibilità che l’informazione originale venga modificata o arrivi troppo tardi).

E, quindi, perché non trarre il massimo da questa esperienza, guardando un film motivazionale e facendolo in lingua originale? E se invece te la cavi già abbastanza bene, divertiti a distinguere gli accenti dei vari attori! Vuoi metterti in gioco? Fallo completamente!

CONTATTACI OGGI

 

Argomenti: Travel&Fun

Commenti